La United Church of Christ e l’omosessualità


croce-arcobaleno2Strada facendo, giunsero ad un luogo dove c’era dell’acqua. E l’eunuco disse: “Ecco dell’acqua; che cosa impedisce che io sia battezzato?”. Filippo disse: “Se tu credi con tutto il cuore, è possibile”. L’eunuco rispose: “Io credo che Gesù Cristo è il Figlio di Dio”. Fece fermare il carro, e discesero tutti e due nell’acqua, Filippo e l’eunuco; e Filippo lo battezzò. (Atti 8:36-38)

Sin dai suoi inizi, la chiesa di Gesù Cristo ha lottato su questioni di inclusione ed esclusione. Chi può essere ammesso come membro di chiesa? Quali sono le qualifiche, le barriere o le prove necessarie? Chi è autorizzato ad assumere un ruolo di leadership?

Nella Bibbia, il libro del Deuteronomio è molto chiaro sul fatto che le minoranze sessuali dell’epoca, gli eunuchi, non erano autorizzate a far parte dell’assemblea cultuale; in realtà, essi erano esclusi del tutto dalla vita ebraica. Tuttavia, nel libro degli Atti degli Apostoli, troviamo anche la bella storia che dimostra acutamente che la vita di grazia si trova in Gesù Cristo; Filippo incontra l’eunuco etiope. In breve, questo emarginato vuole essere battezzato. Riconoscendo l’invito sconfinato di Dio, compreso l’amore in Cristo, Filippo riceve l’eunuco come membro della chiesa.

Già dal 1969, la United Church of Christ si è posta analoghe domande di inclusione ed esclusione nei riguardi delle persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali. Tuttavia, sempre più la UCC sta cercando di essere un luogo di accoglienza per le persone LGBT. Nel 1972, la UCC ha consacrato pastore la prima persona apertamente gay, il past. William R. Johnson. Nel 1985, il Sinodo generale dell’UCC ha dichiarato di essere “open and affirming” e ha invitato tutte le chiese locali ad essere altrettanto pronte ad accogliere le persone LGBT come membri di chiesa a pieno titolo (la UCC ha un’ecclesiologia di tipo congregazionalista, quindi ogni comunità locale ha il potere di dare indicazioni teologiche ed etiche, NdT). Nonostante i vari punti di vista sulla sessualità nelle congregazioni locali, il movimento per la piena inclusione delle persone LGBT continua a diffondersi in tutti gli aspetti della vita e della testimonianza di questa denominazione cristiana.

“Open and Affirming” è il modo in cui negli Stati Uniti la UCC dichiara l’accoglienza e l’inclusione di gay, lesbiche bisessuali e transessuali. Il messaggio di amore e di compassione, la giustizia e la pace sono l’essenza stessa della vita e del ministero di Gesù.

Sviluppando le politiche e i programmi “Open and Affirming” un occhio di riguardo è stato dato alla tradizione biblica, ma non vi è stato un approccio letterale nell’interpretazione della Scrittura. Piuttosto, è stato usato un metodo di studio biblico che tenga conto della lingua, del contesto, della cultura, e in più sono stati utilizzati metodi esegetici per discernere i significati dei testi e le loro implicazioni per la vita contemporanea.

Tratto da www.ucc.org/lgbt/about.htm liberamente tradotto da Valentino Coletta.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...