La Chiesa Luterana Svedese elegge una vescova lesbica impegnata in una relazione stabile


b9226e96-737a-40a3-8383-43d68bde79f1~__H

Uppsala, Svezia, 29 maggio (ENI – Ecumenical News Interantional) – La neoeletta vescova luterana di Stoccolma dice che essere lesbica per lei vuole significare stare accanto alla gente che si sente impotente.

“Io so che ciò significa essere chiamata in causa”, dice Eva Brunne in un articolo sul sito web della Chiesa di Svezia dopo la sua elezione il 26 maggio. “Sono in una situazione fortunata, poiché ho potere e posso usarlo a favore di chi non ha potere”, dice Brunne, attuale capo della diocesi di Stoccolma.

Brunne è la prima vescova della Chiesa di Svezia a vivere in una relazione omosessuale riconosciuta civilmente, dice l’ufficio centrale della chiesa di Uppsala, ed è molto probabilmente la prima vescova apertamente lesbica nel mondo.

Cinquanta anni Brunne vive con la pastora Gunilla Lindén in una relazione benedetta dalla chiesa. Brunne e la sua compagna hanno un figlio di tre anni.

“Una volta battezzati, nessuno può venirvi a dire che non potete far parte della Chiesa perché siete omo-, bi- o transessauli”, dichiara la neovescova al periodico francese Tetu.

E’ stata eletta con 413 voti contro i 365 per Hans Ulfvebrand e succederà alla vescova Caroline Krook, che si è dimessa a novembre.

Nel 2003, la consacrazione del rev. Gene Robisnson, divorziato e dichiaratamente omosessuale che vive con il suo compagno, come vescovo della Chiesa Episcopale (Anglicana) negli U.S.A., avviò una profonda divisione e minacciò uno scisma all’interno della Comunione Anglicana.

Le Chiese Luterane, in tutto il mondo,  sostengono diverse opinioni su temi come l’accettazione degli/delle omosessuali nella vita della chiesa oppure come le benedizioni di coppie dello stesso sesso in alcuni Paesi del nord.

La Chiesa di Svezia, che ha speciali liturgie per le benedizioni di coppie dello stesso sesso, è stata criticata da altre Chiese Luterane, in particolare da quelle dei paesi africani.

Nel 2005, i leaders della Federazione Luterana Mondiale rimossero il vescovo kenyota Walter E. Obare Omwanza come consigliere del direttivo della stessa Federazione, dopo che egli consacrò un vescovo che proveniva da un gruppo luterano scissionista in Svezia, e dopo che egli si era opposto alla consacrazione delle donne-pastore  e al matrimonio di persone dello stesso sesso.

Advertisements