Chiesa Disunita…


tratto dal sito timesonline.co.uk liberamente tradotto da Valentino Coletta

Anglican_schismIl Vaticano ha annunciato ieri una nuova struttura legale grazie alla quale gli anglicani possono entrare nella Chiesa Cattolica-Romana. Ciò potrebbe sembrare un dettaglio di poco conto, di interesse principalemente per gli esperti di diritto canonico. Ma è potenzialmente lo scontro più esplosivo tra Anglicani e Cattolici dai tempi della Riforma.

Straordinariamente, il dr. Rowan Williams, Arcivescovo di Canterbury, è venuto a conoscenza del progetto vaticano solo nell’ultimo fine settimana. La delicatezza diplomatica di una dichiarazione congiunta del dr. Williams e di mons. Vincent Nichols, arcivescovo cattolico-romano di Westminster, non può nascondere una sconfortante verità: il dr. Williams è stato raggirato.

Ci sono dei genuini motivi pastorali dietro le azioni della Santa Sede. Ma la soluzione e le modalità che sono state utlizzate, non possono che essere una sfida diretta all’integrità della tradizone anglicana. Il dr. Williams ha fatto degli immensi sforzi per mantenere l’unità della Comunione Anglicana e per far avanzare il movimento ecumenico. E’ stato insidiato. Ora egli deve affrontare una prospettiva non invidiabile di una frammentazione galoppante dell’Anglicanesimo ed il gelo nei rapporti tra Anglicani e Cattolici-Romani.

Nell’ambito di una struttura conosciuta come Costituzione Apostolica, gli Anglicani posso entrare in completa comunione con Roma mantenendo le caratteristiche peculiari della tradizione liturgica e spirituale anglicana. La costituzione stabilirà degli “ordinariates personali” (simili alle diocesi) per fornire loro cura pastorale. Migliaia di Anglicani contrari all’idea delle donne-vescovo e al clero omosessuale sono pronti a rispondere.

Il dr. Williams nega che l’annuncio della Santa Sede sia “proselitismo o un’aggressione”. E’ vero che gli Anglicani tradizionalisti hanno fatto pressione sulla Chiesa Cattolica-Romana di creare uno spazio collettivo per loro. Ma esistono luoghi istituzionali dove dovrebbero aver luogo le discussioni tra Anglicani e Cattolici-Romani. Il Pontificio Consiglio per l’unità dei Cristiani si comporta come se non esistesse questa convenzione. Ciò implica che per Papa Benedetto XVI l’ecumenismo è una cosa secondaria. Il suo impegno per l’unità cattolica è così intenso tanto da accogliere favorevolmente i seguaci dell’arcivescovo Macel Lefebvre, tra cui un vescovo che nega l’olocausto. L’annuncio di ieri non solo ostacola l’unità della Chiesa Universale ma anche la cooperazione tra le chiese.

Il papa arriverà per la prima volta in Gran Bretagna come pontefice il prossimo anno. Il suo predecessore, Giovanni Paolo II, visitò il Regno Unito nel 1982. Quest’ultimo era famoso per il suo desiderio di unità e per il rispetto delle altre tradizioni cristiane. E’ stato il primo pontefice a visitare la Cattedrale di Canterbury, dove si inginocchiò per pregare. L’anno precendente la sua morte, la Commissione Internazionale Anglicana Cattolica-Romana pubblicò un interessante rapporto che precisa la base teologica si potrebbe basare la comunione completa tra le duen chiese.

Gli auspici della visita dell’attuale pontefice sono ora improvvisamente così poco buoni a causa dell’annuncio di ieri. Forse Benedetto XVI presiederà a Birmingham alla messa di beatificazione del cardinale John Henry Newman, che è una figura importante nella vita intellettuale e culturale della nazione (ovviamente di quella britannica, ndt) così come della chiesa. Come il più importante di tutti  i convertiti a Roma, Newman ammonì gli Anglicani che la loro chiesa “abbandonò il centro dell’unità nel XVI secolo”. Newman potrebbe essere il nome del nuovo ordinariato per gli anglicani. Tali toni erano tipici della sua epoca. Non dovrebbe essere questo il nostro atteggiamento. La testimonianza della Chiesa d’Inghilterra alla vita del Regno Unito (e non solo, ndt) è una stimata risorsa civica e storica. Tale posizione è stata indebolita pericolosamente.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...