La gente del Maine boccia i matrimoni gay


gay

HA DETTO NO IL 53% DEGLI ELETTORI. A RISCHIO LE LEGGI ANALOGHE IN ALTRI QUATTRO STATI

Erano stati approvati dal governo dello Stato, il referendum li ha cancellati. Il silenzio di Barack Obama

WASHINGTON – La giornata elettorale non ha danneggiato solo Obama ma anche il movimento gay. Lo stato del Maine, il cui Parlamento aveva legalizzato i loro matrimoni, li ha vietati in un referendum. I «no» sono stati il 53%, una sconfitta bruciante, il bis di quella dell’anno scorso in California. Il movimento gay aveva investito 4 milioni di dollari nel referendum, quasi il doppio dell’opposizione, ed era sostenuto dai media. Ma si è trovato l’opinione pubblica contro. L’America s’è così confermata ostile ai matrimoni gay: tutti gli stati in cui si è sinora tenuto un referendum su di essi, ben 31 su 50, li hanno bocciati.

GLI STATI A FAVORE – I matrimoni gay sono stati legalizzati dai Parlamenti o dalla Magistratura in cinque Stati: il Massachusetts, il Vermont, il New Hampshire e il Connecticut nel nord est, la parte più «liberal» dell’America, e sorprendentemente nello Iowa, lo stato di John Wayne, l’attore cow boy che fu il simbolo della conservazione. Ma sono ora in pericolo: come ha detto Brian Brown, il leader della National organization of marriage between men and women, «al riguardo esiste una scollatura tra i Parlamenti e la magistratura da un lato, e l’elettorato dall’altro». Alle elezioni congressuali del prossimo anno, i referendum potrebbero vietare i matrimoni gay in tutti o almeno in alcuni di questi 5 stati.

«TORNEREMO ALLA CARICA» – I protagonisti della battaglia di ieri sono stati il gruppo gayProtect equality in Maine e quello conservatore Defend marriage in Maine. Fiduciose nella vittoria, alcune copie gay avevano fissato la data del matrimonio per oggi. Alla notizia della sconfitta, Ann Shannon e Cecilia Burnett, che dovevano convolare a nozze, hanno pianto. Rea Carey, dellaNational gay and lesbian task force, ha cercato di confortarle: «Ritorneremo alla carica». Si è impegnato a riproporre una legge a loro favore il governatore John Baldacci, un democratico. Ma Frank Schubert, il leader di Marriage saved, lo ha definito inutile: «Tutti devono rispettare la volontà popolare».

IL SILENZIO DI OBAMA – Come ha rifiutato di commentare il successo repubblicano alle elezioni, così Obama ha taciuto sul referendum. Il presidente è in difficoltà anche su questo fronte: sinora ha evitato di pronunciarsi sui matrimoni gay, limitandosi ad appoggiare l’unione civile. Ma Obama rischia di trovarsi con un triplo handicap quando, nel 2010, l’America voterà per il Congresso: la crisi economica, la guerra dello Afganistan e i valori, quei valori che l’anno scorso, al crollo della finanza, passarono in secondo piano.

Ennio Caretto
04 novembre 2009

Fonte

Advertisements

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...