Belgio: ragazza muore durante un rituale per curarla dall’omosessualità. In carcere i genitori


Stop_Omofobia2

Un giudice di Anversa ha disposto il carcere preventivo per i genitori di Layla Achici, ragazza marocchina di appena diciotto anni, morta il mese scorso durante un rituale celebrato con l’intento di curarla dall’omosessualità. La “cura spirituale” prevedeva una buona dose di bastonate e bruciature, il tutto dinanzi ad un esperto del Corano.
I genitori sono stati arrestati la settimana scorsa e l’arresto è stato confermato in questi giorni. L’avvocato di famiglia, Johan Platteau, ha riferito che il padre e la madre di Layla rifiutano le accuse, dal momento che loro, convinti che la giovane fosse posseduta da spiriti malefici, avevano solo intenzione di curarla. Invece ora si trovano in carcere insieme all’esperto del Corano che si è limitato a leggere passi del libro sacro per i musulmani senza proporre alcun rito purificatore. Per la serie: se c’ero, non ho visto.

Quanti crimini in nome della religione e della cura spirituale…

Fonte: queerblog

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...