La Chiesa di Svezia dice “sì” ai matrimoni omosessuali in chiesa. Le reazioni


251px-Svenska_kyrkan_vapen.svg(eni) La decisione presa dalla Chiesa (luterana) di Svezia di autorizzare la celebrazione in chiesa di matrimoni omosessuali è stata criticata da chiese luterane d’Africa e dalla Chiesa (anglicana) d’Inghilterra.

A Uppsala, durante il Sinodo generale della Chiesa, una maggioranza si è espressa a favore del matrimonio omosessuale in chiesa a partire dal 1º novembre, sei mesi dopo la modifica della legge svedese sul matrimonio per includere le coppie omosessuali. La Chiesa di Svezia farà ora una richiesta allo Stato per poter celebrare matrimoni riconosciuti dalla legge secondo le nuove disposizioni giuridiche.

In Kenia, il vescovo Zachariah Kahuthu, che è a capo della Chiesa evangelica luterana keniana, ha dichiarato che l’Assemblea generale della sua Chiesa avrebbe in mente di «tagliare tutti i legami» con la Chiesa di Svezia.

«L’idea stessa dell’omosessualità va contro l’obiettivo divino della creazione», ha dichiarato il vescovo. «Ciò che dimentichiamo tutti è la trasformazione. Gli omosessuali possono trovare la trasformazione divina. Questo è il principio per cui mi batto». Il vecovo ha affermato di temere che in alcuni Paesi, «la Chiesa guidi il mondo nella cattiva direzione».

Brighton Kilewa, segretario generale della Chiesa evangelica luterana di Tanzania, ha dichiarato che la sua chiesa conferma la propria dichiarazione del 2004, nella quale indicava che l’omosessualità «non è da nessuna parte la costituzione naturale di una persona umana». In quella dichiarazione, la chiesa affermava che «legalizzare, autorizzare o accettare i rapporti tra persone dello stesso sesso non fa che minare l’istituzione del matrimonio e il suo carattere sacro. Questa istituzione è il fondamento dell’equilibrio della comunità. Sabotarla equivale a sabotare l’ordine di Dio il quale stabilisce questa importante istituzione».

Christopher Meakin, prete responsabile dei rapporti ecumenici per la Chiesa di Svezia, ha scritto in una lettera indirizzata ai partner ecumenici della chiesa che una maggioranza del Sinodo ha sostenuto la raccomandazione formulata dal comitato liturgico e dal consiglio centrale della chiesa.

Ben Wilson, portavoce della Chiesa d’Inghilterra, ha criticato la decisione, affermando che essa è «chiaramente in disaccordo con la teologia e la pratica della Chiesa d’Inghilterra e della commissione anglicana nel suo insieme. Wilson ha detto che la posizione della sua Chiesa è stata formulata in una lettera inviata lo scorso giugno all’arcivescovo di Svezia dai presidenti del Consiglio per l’unità cristiana e dal Gruppo consultivo di Fede e Costituzione della chiesa.

Fonte: Riforma

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...