Chiesa Episcopale dell’Eastern Masssachussets: sì al matrimonio fra coppie dello stesso sesso


A cinque anni da quando il matrimonio tra persone dello stesso sesso è diventato legale in Massachusetts, il Vescovo Episcopale locale ha dato ieri il permesso ai preti dell’ Eastern Massachusetts di officiare matrimoni fra persone dello stesso sesso.

La decisione del Vescovo M. Thomas Shaw III è stata immediatamente accolta con favore dagli avvocati che si occupano dei diritti dei gay nella Chiesa Episcopale, i quali avevano contrastato la regola locale che permetteva ai preti di benedire le coppie dello stesso sesso ma non di firmare i documenti di matrimonio.

La decisione con tutta probabilità acuirà le tensioni sia all’interno della Chiesa Episcopale stessa che nella denominazione alla quale essa appartiene, l’ Anglican Communion, che ha affrontato divisioni significative dopo l’elezione di un prete apertamente gay come vescovo del New Hampshire nel 2003.

“Il tempo è venuto.’’ ha detto Shaw in un’intervista telefonica. “E’ il momento che noi offriamo a persone gay e lesbiche gli stessi sacramenti di fedeltà che offriamo al mondo eterosessuale.’’
Shaw, un sostenitore dei diritti dei gay e del matrimonio tra persone dello stesso sesso da lungo tempo, ha precedentemente denunciato le regole ed il libro di preghiere della Chiesa Episcopale che impedivano ai preti locali di celebrare matrimoni per coppie dello stesso sesso, perfino dopo che tali unioni erano diventate legali in Massachusetts nel 2004.

Ma proprio questo mese, clero e simpatizzanti alla convenzione diocesana hanno approvato una risoluzione che esprimeva la speranza che Shaw permettesse al clero di firmare le licenze di matrimonio per coppie dello stesso sesso, citando la legislazione approvata all’assemblea generale della Chiesa Episcopale la scorsa estate che prevedeva che “i vescovi, particolarmente quelli nelle diocesi all’interno di giurisdizioni civili in cui siano legali le unioni tra persone dello stesso sesso-genere, le unioni civili ed il partenariato domestico, possono offrire generosa risposta pastorale ai bisogni dei membri di questa chiesa ’’.

Shaw ha affermato che la sua diocesi include “un numero significativo di ecclesiastici gay e lesbiche che vivono in coppia,’’ e che “molti dei nostri parroci hanno un significativo numero di fedeli gay e lesbiche.’’
La decisione riguarda solo gli Episcopali dell’Eastern Massachusetts. Una diocesi Episcopale nel Western Massachusetts separata e più conservatrice sui problemi riguardanti la sessualità.

In una lettera inviata ieri a tutti i parroci Episcopali, Shaw ha scritto che ogni prete Episcopale è libero di rifiutare di officiale matrimoni tra persone dello stesso sesso.
“Sappiamo che non tutti sono d’accordo e che alcuni in buona fede non concordano con questa decisione ’’ ha scritto Shaw “La nostra tradizione anglicana fa spazio a questo disaccordo e ci chiama al rispetto reciproco e ci lega gli uni agli altri nelle nostre differenze. E’ attraverso questa tensione che noi troviamo il fondamento di Dio.

Il Rev. Anne C. Fowler, un prete Episcopale a capo della Religious Coalition for the Freedom to Marry, ha apprezzato ieri la decisione.
Nel 2004, Fowler era una dei pochi preti locali a rompere le regole della chiesa officiando matrimoni fra persone dello stesso sesso. I suoi atti di “disobbedienza ecclesiastica”, come li chiamava, le hanno causato un richiamo e da allora, dice, ha seguito le regole.

“Sono assolutamente emozionata,’’ dice Fowler, rettore della St. John’s Church in Jamaica Plain. “Ora quando diciamo di essere una chiesa inclusiva, lo siamo veramente, pienamente in modo sacramentale.’’
Il Rev. Jeffrey Mello, un prete apertamente gay, rettore della St. Paul’s Church di Brookline, ha detto che quando ha annunciato la decisione di Shaw in chiesa, alcuni parrocchiani hanno pianto e molti hanno applaudito.

Le regole ecclesiastiche hanno impedito a qualunque altro prete episcopale di presiedere al suo matrimonio. Fowler ha benedetto Mello e suo marito dopo che un giudice di pace ha firmato il loro incartamento nel 2004.
“Se vorrei che questo fosse successo prima? sicuramente,’’ dice Mello. “Ma quando l’ho scoperto avevo 23 anni e pensavo che dichiararsi avrebbe significato non sposarmi mai non avere mai dei bambini, non poter diventare prete. Ora sono sposato, ho un bambino e sono un prete. Ci è voluto il tempo che ci è voluto.’’

Shaw ha detto che i preti Episcopali non dovrebbero usare la liturgia matrimoniale prevista dal libro di preghiere della Chiesa Episcopale per benedire le unioni tra persone dello stesso sesso perché il linguaggio fa riferimento all’ ”unione di quest’uomo e di questa donna”. Invece, ha affermato, gli ecclesiastici devono consultare la nuova liturgia Episcopale per matrimoni fra persone dello stessosesso, disponibile in internet.

Le diocesi Episcopali in altri stati dove il matrimonio fra coppie dello stesso sesso è legale si stanno muovendo nella stessa direzione. Le diocesi Episcopali dello Iowa e del Vermont, hanno consentito al clero di officiale matrimoni tra persone dello stesso sesso.

La diocesi Episcopale del Massachusetts adesso riunisce una manciata di altre denominazioni religiose locali nelle quali il clero può officiare unioni di persone dello stesso sesso, inclusa United Church of Christ, la Unitarian Universalist Association, ed i Reform and Reconstructionist movements of Judaism.
Molte denominazioni religiose locali, inclusa la Chiesa Cattolica, si oppongono fermamente al matrimonio fra persone dello stesso sesso ed impediscono al clero di partecipare a queste cerimonie.

Sono rimaste relativamente poche voci critiche nella Chiesa Episcopale perchè molti conservatori hanno lasciato la denominazione per formare o aderire ad altre congregazioni Anglicane. Parti significative di parroci ad Attleboro, Franklin, Hamilton/Wenham, Marlborough, e West Newbury hanno ora lasciato la Diocesi Episcopale del Massachusetts, uno sviluppo che Shaw chiama “una tragedia.’’

Fonte: The Boston Globe

(liberamente tradotto da Anna Lanfranco, che ringraziamo)

Advertisements

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...